MAH! SPERIAMO BENE!

Sandro Pertini disegnato da Andrea Pazienza

Paz ha dedicato a Sandro Pertini delle tavole indimenticabili, pubblicate prevalentemente su Frigidaire. La quasi totalità dei lavori di Andrea Pazienza sul partigiano diventato Presidente sono state raccolte lo scorso anno in una mostra chiamata PAZ e PERT. Questa tavola, datata anni ’70, sembra in realtà disegnata ieri. La preoccupazione del “Presidente” Pert, che guarda dall’alto l’Italia (ma sullo sfondo si vede chiaramente anche l’Africa) e si rivolge ad un coniglio con le orecchie alzate, dicendo: “Mah! Speriamo bene!” è la stessa preoccupazione che attraversa oggi le parole del “Presidente” Nap.

La scelta che oggi annunciamo per il prossimo Giorno della Memoria costituisce anche una risposta all’ignobile provocazione del manifesto affisso nei giorni scorsi a Milano con la sigla di una cosiddetta ‘Associazione dalla parte della democrazia’, per dichiarata iniziativa di un candidato alle imminenti elezioni comunali nel capoluogo lombardo. Quel manifesto rappresenta, infatti, innanzitutto una intollerabile offesa alla memoria di tutte le vittime delle BR, magistrati e non. Essa indica, inoltre, come nelle contrapposizioni politiche ed elettorali, e in particolare nelle polemiche sull’amministrazione della giustizia, si stia toccando il limite oltre il quale possono insorgere le più pericolose esasperazioni e degenerazioni“.

3 pensieri su “MAH! SPERIAMO BENE!

  1. Questo paese ha avuto Presidenti della Repubblica superiori alla media nazionale (quasi tutti) e speriamo ardentemente che tale tradizione continui.

    • c’è sicuramente un filo “rosso” che lega tra loro Pert e Nap (tanto per continuare a citare il grande Andrea Pazienza). Di certo Sandro Pertini è stato un presidente della Repubblica molto particolare… un uomo spontaneo, che diceva quello che pensava, nonostante l’età appariva energico e vitale. Giorgio Napolitano è uno strenuo difensore delle istituzioni democratiche. Due uomini diversi, ma entrambi capaci di preoccuparsi del Paese, del futuro…

  2. Pingback: “Io sono fico” | vitaliquida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...